Post in evidenza (clicca sull'immagine e firma la petizione)

Ci metti la firma? Idee e proposte per un accesso più equo alle elezioni

giovedì 9 agosto 2012

«Siamo gente comune». Garantisce Rosi Mauro


A spulciare senza nemmeno troppa fatica gli elenchi dei membri del Senato, lei risulta ancora vicepresidente. Sono passati tre mesi e mezzo dallo “scandalo Belsito”, che ha travolto lei e squassato la dirigenza della Lega Nord, e Rosa Angela (“Rosi”) Mauro è quasi tornata nel dimenticatoio per coloro che non si appassionano alle cronache giudiziarie. Con lei, anche la sua creatura politica nuova nuova, che pure a palazzo Madama può contare su ben due esponenti (lei e Lorenzo Bodega, uscito dal gruppo leghista dopo aver votato contro l’espulsione della Mauro).
La formazione, battezzata quasi un mese fa, si chiama «Siamo gente comune – Movimento territoriale» e porta per la prima volta un girasole in Parlamento; tutt’al più la seconda, a voler considerare come primo episodio la presenza dei socialisti dello Sdi e dei Verdi nella XIV legislatura, che avevano formato la lista del Girasole (ma quei parlamentari avevano ottenuto il seggio quasi sempre grazie ai collegi della quota maggioritaria, dunque, a rigore, non con la lista di cui si diceva).
Questa volta il fiore spunta nella parte bassa del nuovo emblema, su fondo blu, nella mezzaluna descritta dalle due parti della denominazione riportate, manco a dirlo, in giallo. «È un fiore molto comune – spiegano al nuovo movimento – che segue sempre il sole: rappresenta l’immagine del popolo, guidato dal buonsenso e dai valori ben radicati»: a rappresentare il popolo, in teoria, nove sagome di persone, più o meno allineate nella parte superiore del contrassegno e del tutto anonime nel loro azzurrino sfumato. Per carità, se sono allineate significa che nessuna è più in vista delle altre e nessuno fa la prima donna, eppure l’impressione complessiva del simbolo è vagamente triste: quelle persone saranno pure «gente comune» (anche se, a pensare allo stipendio da parlamentare, non ci si crede molto), ma l’idea che siano anonime e inespressive come quei gruppi di figure francamente avvilisce un po’. Meglio, molto meglio osservare un campo di girasoli e godersi lo spettacolo di quei colori accesi: va bene anche un quadro di Van Gogh, ovviamente.

Nessun commento:

Posta un commento