Post in evidenza (clicca sull'immagine e firma la petizione)

Ci metti la firma? Idee e proposte per un accesso più equo alle elezioni

mercoledì 27 febbraio 2019

Progetto comunista, il nome visto in Sardegna viene da lontano (di Marco Piccinelli)

Oggi pubblico un testo che ho ricevuto da Marco Piccinelli, giovane giornalista che collabora con varie testate (tra cui Pressenza) e segue questo sito, probabilmente condividendo la condizione di #drogatodipolitica che accomuna i suoi frequentatori. Quando ha visto comparire l'articolo sui contrassegni delle elezioni sarde, è stato facile per lui ricordare che il nome di una delle liste - Progetto comunista - non era affatto nuovo: era facile averne prova, visto che il simbolo per giorni non si è trovato, mentre emergevano ovunque notizie di un altro soggetto politico, che evidentemente diverso dalla lista presentata in Sardegna. Lascio la parola a lui, buon racconto.
   
Recentemente su questo blog s’è dato conto dei simboli che si sono presentati alle elezioni regionali sarde appena trascorse. Tra le liste della coalizione guidata da Massimo Zedda, ne spiccava una denominata Progetto comunista per la Sardegna, con falce e martello rossi e simbolo dei Quattro Mori. La scritta nera in campo bianco, così come il nome, riprendono però quasi in toto l'etichetta di un'organizzazione trozkista fuoriuscita dal Partito della rifondazione comunista nel 2006: Progetto comunista - Rifondare l'opposizione dei lavoratori (Pc-Rol). Quell'espressione, "Progetto comunista", era stata scelta in continuità con l'esperienza dell'Associazione marxista rivoluzionaria - Progetto comunista (Amr/Pc: il suo sito web è ancora attivo), autoattribuita sinistra di Rifondazione Comunista: lì convivevano le anime aderenti al trotskismo del partito, tanto quella che faceva capo a Marco Ferrando e Franco Grisolia, quanto quella che seguiva Francesco Ricci e Ruggero Mantovani
Lo scontro che vide nascere il Pc-Rol - ed è il motivo per cui sono stati citati questi quattro rappresentanti dell’area - si consumò nel corso della seconda conferenza dell’Amr, all'inizio del 2006: lì i presentatori del documento Il progetto comunista: la rifondazione rivoluzionaria "abbandonarono i lavori e si costituirono in frazione", come fu riportato da un componente del comitato centrale di Pc-Rol. Questa "frazione" che si costituì venne guidata dai dirigenti che successivamente avrebbero fondato il Partito comunista dei lavoratori (Ferrando e Grisolia): il movimento sarebbe nato nell'estate del 2006, mentre per il partito si sarebbe dovuto attendere il 2008.
Simbolo depositato nel 2008

L’altro troncone dell’Amr si costituì appunto in Pc-Rol prima di dare vita ad una formazione (tuttora attiva, anche se a livello embrionale e provinciale) denominata Partito di Alternativa Comunista - Lega internazionale dei lavoratori - Quarta internazionale (Pdac). Al di là del nome più complesso, il simbolo del Pc-Rol presenta sopratutto una differenza rispetto a quello del Progetto comunista visto in Sardegna (oltre all'assenza ovvia dei quattro mori stilizzati): la disposizione di falce e martello. Il soggetto politico, infatti, essendo trotskista, pone i due strumenti di lavoro "a specchio" rispetto ai normali emblemi comunisti; in più, all'incrocio dei due "arnesi", si nota la presenza di un 4 stilizzato, che indica l'appartenenza del gruppo alla Lega internazionale dei lavoratori - Quarta Internazionale.
Simbolo attuale
Una volta costituito il Pdac e sciolto, o comunque superato, il Pc-Rol, il nome "Progetto Comunista" in ogni caso sopravvisse: la testata del soggetto politico continuò a chiamarsi così (esisteva già ai tempi dell'Amr) e, per un certo periodo, l'espressione era stata conservata all'interno del simbolo del partito, come testimonia il contrassegno elettorale depositato in occasione delle elezioni politiche del 2008. Nel simbolo attualmente in uso il vecchio nome non c'è più, ma nella memoria di coloro che hanno costituito quell'esperienza è rimasto: quando è apparsa la lista sarda del Progetto comunista, qualcuno di loro avrà sicuramente ricordato quella pagina di oltre dieci anni fa, che da un progetto ha fatto nascere un partito. 

Nessun commento:

Posta un commento