Post in evidenza (clicca sull'immagine e firma la petizione)

Ci metti la firma? Idee e proposte per un accesso più equo alle elezioni

domenica 17 gennaio 2016

Savona, Alternativa socialista con una rosa (ma senza nome)

Chi ha avuto un minimo di attenzione per la politica italiana lo ha visto nettamente: ogni volta che i socialisti hanno usato la parola "unità" o "uniti" nel loro nome, hanno finito per litigare o comunque per dividersi di nuovo, generalmente dopo un risultato elettorale insoddisfacente. Savona è tra le città che si preparano a tornare al voto in primavera e nella frastagliata famiglia socialista qualcosa si muove: sarebbero tre le formazioni pronte a correre con lo stesso emblema alle prossime elezioni comunali, in autonomia rispetto al Pd. Quella legge politica sulla pericolosa unità socialista, tuttavia, dev'essere nota anche ai socialisti del luogo: dev'essere per questo che Psi, Nuovo Psi e "Futuro è socialismo", nel delineare un progetto comune, hanno scelto il nome "rievocativo" di Alternativa socialista, sottolineandone la rilevanza "in un panorama politico sempre più frastagliato e litigioso".
Per evitare il rischio che la maledizione dell'unità si avveri, peraltro, sembra che le forze socialiste abbiano scelto di agire d'anticipo, non mettendo nemmeno il nome sul simbolo che dovrebbe finire sulle schede. Se infatti l'anticipazione del contrassegno data da Radio Savona Sound News è corretta, nella grafica scelta non c'è il nome. C'è invee la rosa, segno quasi obbligato per chi in Europa si richiama al socialismo. La resa è a stencil, un po' come il fiore adottato nel 1997 dai Socialisti (italiani) uniti - un'esperienza che non era andata benissimo - ma stavolta un pugno chiuso stringe il gambo e si vede anche il polso e un pezzo di braccio realistico (richiamando in parte l'iconografia della Nuova sinistra unita e di Democrazia proletaria). Sullo sfondo si staglia un profilo monumentale tutto rosso, in cui - agli occhi inesperti di un non savonese - sembra di intravedere la silhouette della fortezza del Priamar.
L'impressione che emerge è quella di una grafica molto "di sinistra", il che può suonare strano, vista la partecipazione del Nuovo Psi alla lista. Qualcuno, evidentemente, non dev'essere così convinto del risultato visivo (e non solo di quello), visto che in SavonaNews.it è apparso un articolo in cui si parla di un simbolo "che riecheggia il Che Guevara al tempo della rivoluzione Cubana, dove il moschetto è stato sostituito con una rosa". Resterà dunque così l'emblema, molto rosso e senza nome?

Nessun commento:

Posta un commento