Post in evidenza (clicca sull'immagine e firma la petizione)

Ci metti la firma? Idee e proposte per un accesso più equo alle elezioni

venerdì 1 gennaio 2016

A Nettuno, per vedere di nascosto l'effetto che fa

Foto da Ilcaffe.tv 
L'anno nuovo è iniziato e, cronologicamente, è un altro passo verso le prossime elezioni amministrative. Qualcuno si è mosso in anticipo, qualcun altro deve ancora uscire allo scoperto, ma il tempo c'è; qualcuno magari sta solo aspettando di vedere se c'è spazio per candidarsi e con quali persone. E, casomai, anche con quale simbolo, sfruttando eventualmente qualche stratagemma per valutare come sarebbe accolto dalla popolazione.
Qualcosa di simile, probabilmente, sta accadendo a Nettuno in questi giorni. Nella serata tra il 23 e il 24 dicembre, infatti, nella città del litorale romano qualcuno ha tappezzato una miriade di luoghi - anche "poco ortodossi, come le pensiline del bus", come sottolineato da Ilcaffe.tv) con manifesti augurali, ma a chiara tendenza politica. In realtà prove non ce ne sono - la scritta "Auguri di Buon Natale e Felice 2016" non dice nulla - e sulle affissioni non ci sono indicazioni sui committenti, ma è difficile che Alleanza Nettunese possa essere il nome di un'associazione di volontariato; anche la sigla AN blu sopra alla denominazione, su fondo tricolore sfumato e racchiusa in due fronde incrociate dorate, sembra davvero pronta per un uso politico-elettorale.
In città nessuno sa chi sia stato a far affiggere i manifesti, ma - scrive sempre Ilcaffe.tv - "c'è già il toto scommesse sugli autori dell'iniziativa", nel tentativo di scoprire chi si nasconda dietro quell'emblema. In effetti, tolto il fondo natalizio e portato il fregio - non troppo originale, bisogna dirlo - su un cerchio bianco, potenzialmente si ha in mano un contrassegno pronto all'uso, su altri manifesti e sulle schede elettorali. Resta solo da capire se il committente di quelle affissioni ha voluto fare un esperimento, giusto "per vedere di nascosto l'effetto che fa", alla Jannacci, e capire se qualcuno era interessato al progetto, oppure se il tutto rientra in una strategia di disvelamento graduale, che prima voglia abituare gli abitanti al simbolo e in un secondo momento - a prescindere dal gradimento degli elettori - ricolleghi l'emblema alle persone che lo rappresentano. Qualche settimana e si capirà qualcosa di più.

Nessun commento:

Posta un commento