Post in evidenza (clicca sull'immagine e firma la petizione)

Ci metti la firma? Idee e proposte per un accesso più equo alle elezioni

mercoledì 2 dicembre 2015

L'IDeA di Quagliariello che nacque tricolore

Potrebbe essere così
l'IDeA tricolore originale
L'IDeA di Quagliariello? Era gia abbastanza concreta il 3 novembre, quando il primo nucleo del simbolo era stato depositato all'Ufficio italiano brevetti e marchi. La notizia è emersa oggi, nel giorno in cui lo stesso Gaetano Quagliariello e Corrado Passera hanno annunciato in una conferenza stampa il loro percorso comune: il primo passo, l'ingresso dell'ex Pd Guglielmo Vaccaro (tra i fondatori di IDeA) nella direzione nazionale di Italia unica, diventandone speaker parlamentare alla Camera per portare le istanze del partito in aula (al Senato lo stesso compito se l'è assunto Quagliariello).
Se però la stampa ha conosciuto ufficialmente IDeA il 25 novembre, i movimenti erano iniziati molto prima. Lo testimonia il deposito di una richiesta di registrazione come marchio di un emblema da parte di Diana Fabrizi, membro del Consiglio nazionale degli studenti universitari e assistente dell'ex coordinatore di Ncd. Il nome del movimento legato al fregio, guarda caso, era proprio Idea - Identità e azione.
A cambiare, in realtà, era la grafica: se a fine novembre era stato presentato un tondo bianco, leggermente ombreggiato, con l'acronimo arancione di IDeA e il nome per esteso in nero, all'inizio del mese la descrizione che era stata depositata - non è al momento disponibile l'immagine della grafica presentata - era almeno in parte diversa. In base al database dell'Ufficio italiano brevetti e marchi, quello depositato dalla Fabrizi dovrebbe essere "un simbolo circolare all'interno del quale sono scritte la parola 'idea' in grassetto corsivo minuscolo di colore bianco sulla linea immaginaria del diametro e le parole 'identità e azione' (su due righe) in stampatello maiuscolo di colore bianco al centro della metà inferiore del simbolo stesso. Lo sfondo del simbolo è di colore verde nel semicerchio superiore e di colore rosso nel semicerchio inferiore".
L'AdnKronos, che ha dato la notizia del "precedente tricolore", ha parlato di un "simbolo provvisorio che serviva a depistare eventuali curiosi". E' probabile, in realtà, che - curiosi a parte - servisse soprattutto "prenotare" il testo del nome (in effetti non modificato) e una grafica sommaria, magari da rivedere in seguito: dopotutto, quello dell'ex ministro per le riforme del governo Letta non si pone come un partito e poteva esserci meno urgenza di tutelare anche la soluzione grafica definitiva. Anche se, bisogna ammetterlo, di estro e fantasia grafica nell'emblema di Quagliariello si avverte un po' la mancanza.

Nessun commento:

Posta un commento